Storico-Your Sub Title Here

Storico

 
 
 

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 RISERVA NATURALE DELLA VALSOLDA (CO) 

Data escursione:   11-12 maggio 2019 
La Valsolda si presta bene a chi è alla ricerca di un contatto sincero con l'ambiente naturale, un contesto nel quale la montagna sta riscostituendo il suo aspetto naturale grazie all'abbandono da parte dell'uomo e l'istituzione della Riserva.
E' un luogo poco frequentato e ritengo che sia uno dei pochi posti in cui si percepisce l'energia vitale della natura (non per niente in una vallata adiacente si è stabilito un branco di lupi).
Per il previsto pernottamento in autogestione* nello spartano rifugio della Riserva si richiede spirito di adattamento (abbastanza comune in chi frequenta la montagna).

Personalmente ho già "provato" i due bivacchi/rifugi disponibili in zona con grande soddisfazione per le sensazioni provate.
valsolda02

Per questa uscita forse è il caso di dire: chi ama la vera natura mi segua.
20181126_110242_1543400314388_resized
20181126_110026_1543400317169_resizedD36-615
20181126_082648_1543400325790_resized
valsolda04

 Località di partenza escursione: Dasio (CO, Lombardia). 
 Dislivello in salita del primo giorno: 650 m circa.
 Dislivello in salita del secondo giorno: a seconda del percorso che faremo in base alle condizioni   meteo e del terreno, comunque non più di 400 m.
 Quota massima che si raggiunge il primo giorno: 1217 m.
 Quota massima che si raggiunge il secondo giorno: a seconda del percorso che faremo in base   alle condizioni meteo e del terreno, massimo 1600 m circa.
 Impegno fisico: è richiesto un allenamento normale.
Difficoltà: sentiero escursionistico.
Abbigliamento: da montagna comprensivo del sacco a pelo e materassino (ne posso mettere a disposizione).
Pasti: al sacco e in autogestione nel rifugio (posso mettere a disposizione fornellino e pentolame)

  • Costo per i due giorni: 40,00 euro 
    La quota conprende: accompagnamento per due giorni, assicurazione rc
    Non comprende: viaggio a/r, vitto, tutto quanto non specificato alla voce "la quota comprende"
  • Considerata la modesta capienza del rifugio (esiste sempre la possibiltà della presenza di altre persone) il numero massimo di partecipanti è 4


* il rifugio in cui pernotteremo si utilizza in autogestione in quanto non c'è un gestore, è sempre aperto, non è previsto un costo di pernottamento ed è disponibile a chiunque ne voglia farne uso.

Altri dettagli del caso saranno forniti a chi aderisce alla proposta.


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 

 STRADA DELLE 52 GALLERIE (VENETO) E LE IMPRONTE DEI DINOSAURI (TRENTINO) 

Data escursione:   18-19 maggio 2019 
Percorreremo la famosissima Strada delle 52 gallerie per poi dormire al bivacco Marzotto Sacchi (7 posti letto).
La mulattiera è un'opera militare risalente alla prima guerra mondiale scavata nel massiccio del Pasubio.
Faremo un percorso ad anello, infatti il ritorno all'auto sarà tramite la Strada degli scarubbi (chiusa al traffico, anch'essa storica).
Domenica, durante il viaggio di rientro, avremo il tempo di fare sosta e visitare le incredibili impronte fossili di dinosauri a Rovereto

impronte



Località e ora di ritrovo: parcheggio Decathlon di Lissone (MB) ore 8.00 - previo accordo è possibile aggiungere altri punti di ritrovo
Si raggiunge la località di partenza escursione in: auto
Località di partenza escursione: Bocchetta Campiglia
Dislivello: 800 m circa
Quota massima slm: 2020 m circa

Tempo totale di percorrenza in oreescluse le soste: 3 ore circa (solo per il primo giorno)

Impegno fisico: è richiesto un allenamento normale
Difficoltà: escursionistica ma con tratti esposti (si astenga chi soffre di vertigini).
Pranzi: al sacco
Costo della gita a persona: 40,00 euro 

La quota comprende: accompagnatore, rc per due giorni.

Non comprende:viaggio A/R, pranzo al sacco, tutto quanto non indicato alla voce “comprende”.
Altri costi da suddividere tra i partecipanti: parcheggio (dovrebbe essere di 6 euro per 24 h), pedaggi autostradali e carburante.

Considerata la modesta capienza del bivacco (esiste sempre la possibiltà della presenza di altre persone) il numero massimo di partecipanti è 4


Un simpatico video per visualizzare il percorso e il bivacco lo trovi qui (non l'ho fatto io): www.youtube.com






MONTE BARRO
Data escursione: 27 gennaio 2019
luogo ideale per una gita invernale data la sua bassa quota (la cima è a 922 m slm), ma l'elevazione modesta non deve trarre in inganno, abbiamo a che fare con la classica montagna fatta di versanti ripidi e rocciosi.
Dalla sua cima, e lungo il tragitto di salita che percorre la cresta Sud, si può godere di un magnifico panorama a 360 gradi che va dalla pianura Padana alle classiche cime del lecchese come il Resegone.

Percorso ad anello.

Località e ora di ritrovo: parcheggio Decathlon di Lissone (MB) ore 8.00 - previo accordo è possibile aggiungere altri punti di ritrovo
Si raggiunge la località di partenza escursione in: auto
Località di partenza escursione: Galbiate (LC)
Dislivello: 550 m circa
Quota massima slm: 922 m
Tempo totale di percorrenza in oreescluse le soste: 3 ore circa
Impegno fisico: è richiesto un allenamento normale
Difficoltà: escursionistica con qualche breve tratto di facili roccette poco sotto la cima.
Pranzo: al sacco
Costo della gita a persona: 15 euro 

La quota comprende: accompagnatore

Non comprende:viaggio A/R, pranzo al sacco, tutto quanto non indicato alla voce “comprende”.

Spese di viaggio: in condivisione per auto (la guida non partecipa alle spese)



 

MONTE BOLETTONE

Data escursione: 2 marzo 2019

Escursione ad anello molto panoramica.

Dall’Alpe Vicerè si prende la sterrata che sale al rifugio Capanna Mara per poi salire con sentiero in cima al Monte Bolettone dove la vista spazia a 360° sulle montagne del triangolo lariano e sulla pianura padana. La discesa avviene lungo il panoramico sentiero che porta alla Bocchetta di Molina per poi rientrare all’Alpe Vicerè passando dalla Baita Patrizi.

Località e ora di ritrovo: Decathlon di Lissone (MB) ore 7.30. Previo accordo è possibile avere altri punti di ritrovo.

Si raggiunge la località di partenza escursione in: auto

Località di partenza escursione: Alpe Vicerè (CO, Lombardia)

Dislivello: 500 m

Quota massima che si raggiunge: 1318 m

Tempo totale di percorrenza in oreescluse le soste: 4

Impegno fisico: è richiesto un allenamento normale

Difficoltà: E

Pranzo: al sacco 

Costo della gita a persona: 15 euro

La quota comprende: accompagnatore

Non comprende:viaggio A/R, pranzo al sacco, tutto quanto non indicato alla voce “comprende”.

Spese di viaggio: in condivisione per auto (la guida non partecipa alle spese)






8-9 dicembre 2018

Riserva Naturale della Valsolda (CO), la montagna per tutte le stagioni

 
Questa proposta escursionistica dedicata a chi vuole vivere la montagna senza andare alla ricerca della prestazione sportiva, la conquista delle cime ecc. 
La Valsolda si presta bene a chi è alla ricerca di un contatto sincero con l'ambiente naturale, in un contesto nel quale la montagna sta riscostituendo il suo aspetto naturale grazie all'abbandono da parte dell'uomo e l'istituzione della Riserva.
E' un luogo poco frequentato e ritengo che sia uno dei pochi posti in cui si percepisce l'energia vitale della natura (non per niente in una vallata adiacente si è stabilito un branco di lupi).
Per il previsto pernottamento in autogestione* nello spartano rifugio della Riserva si richiede spirito di adattamento (abbastanza comune in chi frequenta la montagna).

Personalmente ho già "provato" i due bivacchi/rifugi dis ponibili in zona con grande soddisfazione per le sensazioni provate.

Per questa uscita forse è il caso di dire: chi ama la vera natura mi segua.

Località di partenza escursione: Dasio (CO, Lombardia).
Dislivello in salita del primo giorno: 650 m circa.
Dislivello in salita del secondo giorno: a seconda del percorso che faremo in base alle condizioni meteo e del terreno, comunque non più di 400 m.
Quota massima che si raggiunge il primo giorno: 1217 m.
Quota massima che si raggiunge il secondo giorno: a seconda del percorso che faremo in base alle condizioni meteo e del terreno, massimo 1600 m circa.
Impegno fisico: è richiesto un allenamento normale.
Difficoltà: sentiero escursionistico.
Abbigliamento: da montagna comprensivo del sacco a pelo e materassino (ne posso mettere a disposizione).
Pasti: al sacco e in autogestione nel rifugio 
  • Costo per i due giorni: 50,00 euro 
    La quota conprende: accompagnamento per due giorni, assicurazione rc
    Non comprende: viaggio a/r, vitto, tutto quanto non specificato alla voce "la quota comprende"
  • Posti limitati, massimo 4 persone

* il rifugio in cui pernotteremo si utilizza in autogestione in quanto non c'è un gestore, è sempre aperto, non è previsto un costo di pernottamento ed è disponibile a chiunque ne voglia farne uso.

Altri dettagli del caso saranno forniti a chi aderisce alla proposta.
20181126_110242_1543400314388_resized
biv.Mtramonto20181126_082648_1543400325790_resized








 











20181126_110026_1543400317169_resized





  

6-7 Ottobre 2018
  Il bramito del cervo in Valsolda
   
    Due giorni nella Riserva Naturale della Valsolda (CO) per sentire i bramiti dei cervi in amore.

    Costo: 40 euro.

    Posti limitati, massimo 3 o 4 persone.
e' rimasto 1 posto disponibile

    Si dorme in bivacco/rifugio (materassino e sacco a pelo) autogestito con cena al cospetto del camino.
  
Sono disponibile a fornire materassino e sacco a pelo.






Le meta è la Valsolda (CO), poco frequentata, ritengo che sia uno dei pochi luoghi in cui si percepisce l'energia vitale della natura, non per niente in una vallata adiacente si è stabilito un branco di lupi.
La proposta è impegnativa non per l'impegno fisico in se ma il previsto pernottamento decisamente spartano in uno dei bivacchi/rifugi del parco.
Personalmente ho già "provato" i due rifugi disponibili con grande soddisfazione per le sensazioni provate.
Per questa uscita forse è il caso di dire: chi ama la vera natura mi segua.

Contattami senza impegno per ulteriori informazioni.
Nota: Astenersi persone prive di senso dell'avventura, poco adattabili e che non rinunciano ai comfort, dalle nostre parti i cervi vivono nei boschi, non nei resort.
 
 

Yoga&cammina

2-3 giugno 2018

 

Escursioni guidate e yoga nella magnifica cornice dei Corni di Canzo.

Visiteremo un affascinante percorso che si snoda lungo la Val Ravella, osserveremo le peculiari caratteristiche naturalistiche della zona in compagnia del suggestivo torrente Ravella.

Faremo sessioni yoga a Prim'Alpe (storica struttura immersa nel bosco) per entrare in dialogo più pieno e profondo con il nostro corpo, coltivare la consapevolezza del respiro, sentire la connessione fra ciò che è dentro e ciò che è fuori di noi, e fermarci ad ascoltare la voce calma della Natura.

In collaborazione con Debora Mauri, insegnante di yoga
facebook

 

Programma:

Sabato 2 giugno 2018

Ore 9.30 ritrovo a Gajum (Canzo)

Ore 10.00 partenza escursione "Sentiero geologico"

Ore 12.30 pranzo al sacco o presso l'agriturismo Terz'Alpe a cura dei partecipanti.

Ore 14.00 partenza escursione per Prim'Alpe lungo il sentiero "Spirito del bosco".

Arrivo a Prim'Alpe entro le 15.30 e sistemazione nel CEA (Centro di Educazione Ambientale gestito da Legambiente).

Ore 16.30 Kripalu yoga (respira, allunga e rilassa) sul prato, della durata di circa 1h e 30'.

Ore 20.00 Cena a Prim'Alpe a cura di Legambiente

Alle 22.00 si può aderire alla proposta di Legambiente alla passeggiata nel bosco all'ascolto di suoni e rapaci notturni.

Ore 22.30 Yoga nidra in natura, così dentro come fuori: Respirando silenzio, alberi e stelle, durata di circa 1h.

 

Domenica 3 giugno 2018

Sveglia alle 7.30 con Ravella rise and shine: risveglio corporeo con-tatto.

Ore 8.30 colazione a cura di Legambiente

Ore 10,00 escursione alla volta del Sasso Malascarpa.

L'alternativa all'escursione è il laboratorio di movimento creativo "Come pietre, acqua, animali e vento: il corpo dialoga con la natura".

Per il pranzo al sacco di domenica sarà possibile chiedere a Legambiente la preparazione di panini.

Per chi non aderisce all'escursione le attività terminano con il pranzo al sacco.

Per chi partecipa all'escursione l'attività termina a Gajum (Canzo) verso le 17.00 (previa sosta a Prim'Alpe per recuperare il materiale del pernottamento).
 

Descrizione della parte escursionistica

Sabato 2 giugno

Da Gajum (500 m slm) prenderemo il sentiero geologico Giorgio Achermann che conduce all'agriturismo Terz'Alpe (800 m slm), lungo il percorso faremo delle soste didattiche anche davanti ad alcuni pannelli informativi.

Il dislivello da coprire è di circa 300 m con 1h di cammino al netto delle soste.

a Terz'Alpe è prevista la sosta pranzo a cura dei partecipanti (chi vuole può pranzare presso l'agriturismo).

Da Terz'Alpe scenderemo a Prim'Alpe (700 m slm) percorrendo il sentiero "Spirito del bosco", un curioso percorso ricco di installazione e sculture di legno raffiguranti vari personaggi. Il tempo di percorrenza è di circa 30' al netto delle soste.
 

Domenica 3 giugno

Escursione al Sasso Malascarpa. Dislivello di 500 m, la salita richiede circa 1h e 45'. Da Prim'Alpe prenderemo la strada forestale che conduce all'agriturismo Terz'Alpe, raggiunto il quale proseguiremo per la Colma di Val Ravella (un breve deviazione ci porterà ad ammirare un faggio monumentale con la possibilità di rifornirsi d'acqua). Una volta ritornati sui nostri passi si riprende la salita per coprire gli ultimi 200 m di dislivello. Sul Sasso Malascarpa sarà possibile ammirare una parete rocciosa ricchissima di fossili di conchodon e faremo la pausa pranzo al sacco (a cura dei partecipanti). Per tornare a Prim'alpe il tragitto di discesa avverrà per altro sentiero fino a Terz'Alpe.

La proposta escursionistica potrà variare in base alle condizioni meteorologiche .

 

Descrizione Yoga

Sabato 2 giugno

Kripalu yoga (respira, allunga e rilassa) sul prato: una pratica di Kripalu yoga che ci aiuti ad integrare l'esperienza fisica della camminata, allungando i muscoli e stimolando consapevolezza.

Yoga nidra, relax sotto le stelle: un'esperienza di rilassamento profondo all'aperto; il respiro e le visualizzazioni ci condurranno in un viaggio all'interno del nostro corpo/mente, senza dimenticare la Natura intorno a noi.
 

Domenica 3 giugno

Ravella rise and shine: risveglio corporeo con-tatto: risveglieremo il nostro corpo al movimento in maniera gentile e graduale, attivando la nostra energia, contattando l'energia che ci circonda, e, se lo desideriamo, entrando in contatto con gli/le altri/e compagni/e.

"Come pietre, acqua, animali e vento: il corpo dialoga con la natura": un laboratorio di movimento spontaneo, di contatto meditativo e sensoriale con la Natura, e di traduzione delle nostre percezioni, immagini, pensieri, suggestioni in movimento libero e creativo.

Per questa esperienza, chi lo desideri può portare con sé una poesia/testo che ama e che parli di Natura, in qualsiasi sua forma.
 

Costi:

Ogni escursione costa 15,00 euro. 5,00 euro per la fascia di età 6 - 13 anni

La partecipazione ad una sola esperienza yoga costa 10,00 euro, dalla seconda in poi ogni sessione costa 5,00 euro. Partecipazione gratuita per i bambini fino a 13 anni.
Non è obbligatorio pertecipare a tutte le attività, si ha facoltà di scelta.

 

Il trattamento di mezza pensione a Prim'Alpe costa 36,00 euro, 30,00 euro per bambini fino a 10 anni.

Prim'Alpe è una struttura molto antica ed è assimilabile ad un rifugio di montagna, per dormire è d'obbligo l'uso del saccolenzuolo o sacco a pelo e federa. Si dorme in camerate con letti a castello e i bagni sono in comune.

Abbigliamento: normale da escursionismo

Per le proposte di Yoga e movimento creativo è consigliato ma non indispensabile portare con sé un materassino leggero arrotorabile (da yoga o pernottamenti in escursionismo) oppure una stuoia, ed una copertina per l'attività di Yoga Nidra – rilassamento profondo. Abbigliamento comodo, e calze se non si ama stare a piedi nudi.

Ulteriori consigli di cosa portare saranno dati qualche giorno prima in base al meteo previsto.

CorteSalaPranzoCamera14
Corte di Prim'Alpe



Riserva naturale della Valsolda
D36-615D36-621D36-645

Sabato 14 aprile 2018
Percorso ad anello con un dislivello di 1000 m.
Cammineremo nella selvaggia Valsolda, un percorso affascinante dove si respira la forte riconquista della natura sulle antiche attività umane. Attraverseremo la zona di Riserva Integrale dove è concesso solo il transito e la sosta di poche ore. Avremo modo di vedere magnifici boschi e vedute panoramiche sulle montagne della zona.

Ora e luogo di ritrovo: 7.30 presso Decathlon di Lissone (MB), previo accordo è possibile avere altri punti di ritrovo.
Punto di partenza dell'escursione: Dasio (CO)
Il luogo si raggiunge in: auto
Difficoltà tecnica di camminata: E escursionisti.
Dislivello: 1000 m
Massima quota che si raggiunge: 1500 m
Pranzo: al sacco
Rientro previsto: entro le ore 19.00
Costo: 15 euro
La quota comprende: Accompagnatore di Media Montagna, assicurazione RC.
Non comprende: viaggio A/R (auto in condivisione, la guida non partecipa alle spese), pranzo al sacco, quanto non indicato alla voce "La quota comprende".
Iscrizioni: entro giovedì 12 aprile
Descrizione: lasciata l'auto a Dasio si prende il sentiero in direzione dell'Alpe Serte 860 m (fontana), si prosegue per l'Alpe Mapel 1148 m (fontana). Dall'Alpe Mapel il sentiero sale deciso ma una immancabile visita alla Grotta dell'orso 1310 m ci farà tirare il fiato.
Terminata la visita si prosegue verso il passo tra il Monte Pradè e le Cime di Noga, dopo poco si entra nella zona di riserva integrale.
All'interno della Riserva Integrale, il percorso rimane in quota fino a B.tta del Boi 1460 m per poi scendere all'Alpe Fiorina (sosta pranzo).
Dall'Alpe Fiorina si scende al Passo Stretto 1102 m e costeggiando il bel torrente Soldo si torna all'Alpe Serte 860 m (chiusura dell'anello) per poi proseguire fino a Dasio.

D36-630D36-638
P
Proposta dell'ultimo momento:
Domenica 17 dicembre, Monte Moregallo dalla Valmadrera. Dislivello 1000 m, quota massima (cima Moregallo) 1272 m. Escursione ad anello molto appagante dal punto di vista panoramico. Alcuni tratti sono su facili roccette. Tratti di sentiero ripidi, non adatti a chi è p
L'escursione va in porto con almeno 3 adesioni. Costo 20,00 euro a persona. Adesioni entro le ore 14.00 di sabato 16.
Cartina della zona: http://maps.kompass.de/?


Prossima escursione: Riserva Naturale della Valsolda (CO)
valsolda02

 
Escursione in Val Cavargna alla ricerca di nuove proposte
050406
Altri scatti nella pagina facebook di camminamonti

Giro del Confinale (Lombardia - SO) dal 15 al 17 luglio 2018
monte


Cammineremo al cospetto dei più famosi ghiacciai alpini e di cime oltre i 3500 m (Gran Zebrù 3857 m) nel tipico ambiente d'alta quota. Sarà facile imbattersi con i classici animali alpini come camosci e stambecchi. Andremo a vedere e toccare con mano la forza modellatrice del ghiacciao.

Primo giorno:
Si lascia l'auto a Santa Caterina Valfurva (SO), si usufruisce del servizio taxi per salire ai Forni, da lì comincia il trekking e si sale al rifugio Pizzini.

Secondo giorno:
Dal rifugio Pizzini si va al rifugio V° Alpini in Val Zebrù.

Terzo giorno:
Dal rifugio V° Alpini si scende e si percorre tutta la Val Zebrù fino a Niblogo.
Da Niblogo si torna a Santa Caterina Valfurva con servizio taxi.

Costo a persona del solo accompagnamento per i tre giorni: 120,00 euro.

Costi massimi previsti per trasferte taxi e pernottamento con 1/2 pensione in rifugio: 132,00 euro (sconti per i soci CAI).

All'importo bisogna aggiungere i costi del viaggio (auto in condivisione) e tre pranzi al sacco.

Il trekking viene confermato con la partecipazione di minimo 4 persone, massimo 8.

I rifugi vanno prenotati, perciò le iscrizioni si ricevono entro il 20 giugno 2018.


Altri dettagli del caso (ora e luogo di ritrovo, attrezzatura consigliata ecc) saranno comunicati a chi intende partecipare.


 
Lo stato del lupo sulle Alpi